Stemma del Comune di Montecchio Emilia
Comune di
Montecchio Emilia
 

TASI - tributo sui servizi indivisibili

La Legge n°147/2013 ha istituito con decorrenza dal primo gennaio 2014  il tributo per i servizi indivisibili  (TASI) delegando ai comuni la sua regolamentazione anche in merito alle fattispecie immobiliari sottoposte a tassazione. Per l'anno 2016 il regime del tributo ha subito variazioni significative in quanto sono state introdotte dalla Legge n.208/2015 esclusioni inerenti gli alloggi qualificati come abitazione principale (comprese le relative pertinenze) e gli alloggi assimilati  all'abitazione principale. Per l'applicazione si rinvia alla Delibera di approvazione delle aliquote e relative norme regolamentari.

Con Delibera di C.C. n.5 del 16/02/2017 sono state approvate le aliquote e relative norme regolamentari per l'applicazione dell'imposta municipale propria per l'anno 2017.
Dal box allegati è possibile visionare e scaricare la Delibera citata, pubblicata su questo link in data  11/03/2017.


 
TERMINI DI VERSAMENTO TASI:
- rata di  acconto entro il 16 giugno; 

- rata a saldo entro il 16 dicembre.
è ammesso il pagamento in unica soluzione  entro la scadenza della rata di acconto.
Ai sensi della Legge n.147/2013 art.1 c.688 il versamento della prima rata della TASI è eseguito sulla base dell'aliquota e delle detrazioni dei dodici mesi dell'anno precedente; il versamento della rata a saldo dell'imposta dovuta per l'intero anno è eseguito, a conguaglio, sulla base degli atti pubblicati nel sito informatico del MEF (www.finanze.gov.it – link:fiscalità locale) alla data del 28 ottobre di ciascun anno di imposta.


 MODALITA' DI VERSAMENTO:
- il tributo è versato in autoliquidazione tramite Mod. F24 oppure apposito bollettino di conto corrente postale;
- non sono dovuti versamenti e non sono effettuati rimborsi per somme inferiori a € 2,50 di imposta annua complessiva.


CODICI TRIBUTO TASI DA UTILIZZARE PER IL VERSAMENTO CON MOD. F24 (Risoluzione Agenzia Entrate  n.46/E del 24/04/2014 scaricabile dal box allegati): 
3958 denominato: TASI – tributo per i servizi indivisibili su abitazione principale e relative pertinenze;
3959 denominato: TASI – tributo per i servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale;
3961 denominato: TASI – tributo per i servizi indivisibili per altri fabbricati.      
                   
Il codice del Comune di Montecchio Emilia  da indicare sul Mod.F24 è: F463.

Il Regolamento TASI è contenuto nella Delibera di C.C. n.5 del 16/02/2017.


È disponibile il programma per il calcolo on line della TASI e per la compilazione del modello di versamento F24.
CLICCA QUI http://www.amministrazionicomunali.it/imutasi/calcolo_imu_tasi.php
Il programma consente altresì di verificare la correttezza delle rendite catastali necessarie per il conteggio dell'imposta direttamente tramite collegamento al sito dell'Agenzia delle Entrate.
L'Ente non è responsabile degli eventuali errori derivanti dall'inserimento di dati non esatti o da errate interpretazioni della procedura o della normativa.

 

ISTANZE DI RIMBORSO TASI - Modulistica (cliccare a fondo pagina)
__________________________________________________________________________________________________________________

RAVVEDIMENTO OPEROSO
 
L'art. 13 del D.Lgs. 18 dicembre 1997 n. 472, e successive modifiche ed integrazioni, consente di regolarizzare, mediante il ravvedimento, le violazioni commesse in sede di predisposizione e di presentazione della dichiarazione, nonché di pagamento delle somme dovute. Il ravvedimento comporta delle riduzioni automatiche alle misure minime delle sanzioni applicabili, a condizione che le violazioni oggetto della regolarizzazione non siano state già constatate e comunque non siano iniziate verifiche o altre attività amministrative di accertamento.
Riportiamo di seguito le modalità operative per effettuare il ravvedimento operoso relativamente alla omissione del versamento del tributo, in quanto risulta essere la più frequente:

Omesso versamento del tributo e sanzioni
Nel caso il Contribuente non abbia provveduto ad effettuare il versamento della TASI entro le scadenze previste, è possibile effettuare il versamento tardivo applicando all'imposta dovuta e non versata le sanzioni e gli interessi.

Se il versamento viene effettuato entro il quattordicesimo giorno dalla data di scadenza, la sanzione è pari al 0,1% giornaliero per ogni giorno di ritardo. Ad esempio se la regolarizzazione avviene il quarto giorno la sanzione sarà pari a: 0,1% x 4 = 0,4%, se la regolarizzazione avviene il quattrodicesimo giorno la sanzione sarà pari a: 0,1% x 14 = 1,4%. Gli interessi vanno calcolati a giorni sulla base della percentuale dello 0,2% annuo dal 01/01/2016 al 31/12/2016 e dello 0,1% annuo a partire dal 01/01/2017.

Se il versamento viene effettuato dal quindicesimo giorno dalla normale scadenza ed entro 30 giorni dalla stessa la sanzione è pari al 1,5% (1/10 del 15%), gli interessi vanno calcolati a giorni sulla base della percentuale dello 0,2% annuo dal 01/01/2016 al 31/12/2016 e dello 0,1% annuo a partire dal 01/01/2017.

Se il versamento viene effettuato oltre il 30° giorno dal termine fissato per il versamento ed entro 90 giorni dal medesimo termine la sanzione è pari al 1,67% (1/9 del 15%), gli interessi vanno calcolati a giorni sulla base della percentuale dello 0,2% annuo dal 01/01/2016 al 31/12/2016 e dello 0,1 annuo a partire dal 01/01/2017.

Se il versamento viene effettuato oltre il 90° giorno dal termine fissato per il versamento ed entro il termine di presentazione della dichiarazione TASI (30 giugno) dal medesimo termine  la sanzione è pari al 3,75% (1/8 del 30%), gli interessi vanno calcolati a giorni sulla base della percentuale dello 0,2% annuo dal 01/01/2016 al 31/12/2016 e dello 0,1 annuo a partire dal 01/01/2017.
 
Per le ulteriori casistiche relative a ridotti od omessi versamenti in presenza di dichiarazione infedele od omessa si consiglia di consultare il modello di ravvedimento scaricabile dal “box allegati” disponibile nel presente link.

Il contribuente che intende sanare la violazione dovrà munirsi di un modello F24 o del bollettino postale per il versamento della TASI e compilarlo secondo le istruzioni allegate al modello o al bollettino.

Una volta effettuato il versamento tardivo occorre comunicare all'ufficio l'avvenuto pagamento a sanatoria, utilizzando l'apposito modello (scaricabile dal “box allegati”) al quale dovrà essere allegata la fotocopia della ricevuta di versamento.

Al contribuente che pur avendo versato in ritardo l'imposta non ha effettuato il versamento comprensivo della sanzione ridotta e degli interessi, verrà inviato, nei termini di legge, un avviso di accertamento comprendente l'applicazione delle sanzioni intere e degli interessi maturati fino all'eseguito versamento
 

_____________________________________________________________________________________________________________________

DICHIARAZIONE TASI
I soggetti passivi devono presentare la Dichiarazione TASI entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui ha avuto inizio il possesso o la detenzione dei fabbricati ed aree assoggettabili al tributo,  la quale ha effetto anche per gli anni successivi qualora le condizioni di assoggettamento al tributo siano rimaste invariate.
Non essendo ancora stato  approvato con decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze il modello ufficiale, si mette a disposizione il modello e le relative istruzioni predisposto da ANUTEL, scaricabili dal box allegati.



DICHIARAZIONE IMU/TASI – ENTI NON COMMERCIALI

Con Decreto del M.E.F. è stato approvato, con le relative istruzioni, il modello di dichiarazione agli effetti dell’imposta municipale propria IMU e del tributo per i servizi indivisibili TASI da utilizzare, a decorrere dall’anno di imposta 2012, ai sensi dell’articolo 91-bis del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27. 
La dichiarazione deve essere presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta. La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta.
Dal box allegati è possibile visionare e scaricare il Decreto,il Modello Dichiarazione IMU-TASI e le relative istruzioni.

Con Delibera di G.C. n.91 del 24/09/2014 è stata nominata Funzionario Responsabile TASI la Dott.ssa Procacci Flavia.

 

 


 


Ultimo aggiornamento: 28/04/17