Stemma del Comune di Montecchio Emilia
Comune di
Montecchio Emilia
 

APPROVATO IL RENDICONTO DI GESTIONE 2014

Rilevante avanzo di amministrazione, incremento degli investimenti e ulteriore riduzione del tasso di indebitamento (0,6%)


Nella seduta di lunedì 18 maggio il Consiglio Comunale di Montecchio Emilia ha approvato il rendiconto della gestione 2014.
I risultati contenuti nel  documento di chiusura del bilancio 2014 confermano la situazione di ordine e di equilibrio dei conti del Comune nonostante i sempre più pesanti effetti determinati dalle ripetute manovre finanziarie restrittive a carico degli Enti Locali. In pratica dal 2010 al 2014 gli effetti delle manovre di finanza pubblica, di revisione della spesa (spending review) e di tagli ai trasferimenti per il Comune di Montecchio Emilia hanno comportato una riduzione di risorse di circa 2 milioni di €, a cui vanno poi aggiunti i vincoli di spesa imposti dal Patto di Stabilità.
A tal proposito va però evidenziato come nel corso del 2014 si sia registrato, quale fatto positivo, l'intervento governativo di alleggerimento del Patto per opere di edilizia scolastica. Di tali misure il Comune di Montecchio ha beneficiato con l'esclusione dal patto di stabilità per pagamenti di interventi di edilizia scolastica per 500.000 €, rendendo così possibile il completamento di alcuni interventi urgenti.
 
La gestione finanziaria 2014 si chiude con un risultato positivo di €. 643.770 per la maggior parte determinato appunto da risorse destinate ad investimenti ma bloccate dal Patto di stabilità (che non consente ai Comuni di utilizzare tutte le proprie risorse ma li obbliga ad accantonarne una significativa quota per contribuire al risanamento del debito pubblico statale).
Tuttavia al riconoscimento dell’esclusione dal patto delle opere di edilizia scolastica si è aggiunto un altro fattore che ha consentito di potere incrementare significativamente la quota di investimenti effettuati sul territorio: l’Amministrazione Comunale ha infatti aderito nel 2014 alla sperimentazione della nuova contabilità delle Pubbliche Amministrazioni, iniziativa che ha consentito di ridurre del 50% l'obiettivo del Patto di stabilità per l’anno in corso, garantendo così maggiori spazi per l’impiego di risorse proprie per investimenti . Da evidenziare che gli enti locali che hanno aderito alla sperimentazione della riforma dei bilanci e della contabilità delle amministrazioni pubbliche sono stati poco più di 400 su oltre 8.000 Comuni italiani.
L’incremento degli spazi per investimenti così ottenuto si è tradotto nel corso del 2014 nell’attivazione di opere sul territorio per circa 2 mln €: tra i principali interventi realizzati vanno ricordati, oltre ai lavori di edilizia scolastica in corso di attuazione, il piano straordinario per gli asfalti, il miglioramento della viabilità e l’incremento dei percorsi protetti, il progetto di completa riqualificazione dell’illuminazione pubblica, la sostituzione delle centrali termiche delle scuole medie, dell’asilo nido, delle scuole dell’infanzia comunali e statali, del palazzetto dello sport, così come la ristrutturazione dell’ex sede della coop L’Olmo per la creazione di un centro per la socializzazione giovanile per l’intera Val d’Enza.
 
Per il 2014 la politica fiscale del Comune di Montecchio Emilia ha avuto come finalità quella di contenere le aliquote dei tributi locali al di sotto dei limiti previsti dalle norme; in particolare il Comune ha applicato la TASI solo sui fabbricati esenti da IMU, in particolare le abitazioni principali con un’aliquota dello 0,26% rispetto al limite massimo fissato dalla legge dello 0,33%. E’ stata inoltre prevista una riduzione dell’imposta per le abitazioni con rendite catastali fino a € 350.
L’addizionale comunale IRPEF è rimasta invariata rispetto al 2013 allo 0,6% rispetto ad un massimo possibile dello 0,8%, con una fascia di esenzione per i redditi più bassi. L'esenzione dal pagamento dell'addizionale Irpef ha riguardato circa 1600 contribuenti.
Da evidenziare, in ambito tributario, gli importanti risultati ottenuti nell'applicazione del protocollo sottoscritto con l'Agenzia delle Entrate per le misure di contrasto all’evasione fiscale che ha prodotto nel 2014 un'entrata di €. 189.000 a seguito delle segnalazioni presentate dal Comune.
 
 
Sul fronte delle spese si è proseguito con il contenimento delle spese di personale, già ridotte di circa il 10% nei 5 anni del precedente mandato dell’Amministrazione, attraverso ulteriori processi di aggregazione e gestione associata di funzioni nell'Unione Val d'Enza.
Nel 2014 l'indebitamento del Comune risulta ormai quasi azzerato, anche in conseguenza delle misure di estinzione poste in essere negli anni precedenti. Il peso degli interessi sulle entrate del Comune (tasso di indebitamento) è infatti dello 0,61% rispetto ad un limite di legge dell’8%. Da sottolineare che il debito pro capite del Comune per i cittadini di Montecchio Emilia è di 91 € a fronte di una media regionale di 1.175 € e una media nazionale di oltre 1.900 €.
 
Nell’ambito delle spese correnti (gestionali), pur nelle crescenti difficoltà, il Comune ha privilegiato quali obiettivi prioritari anche nel 2014 la sostenibilità  e l’incremento dei servizi, la salvaguardia del ‘welfare’ rivolto alle fasce deboli, la promozione delle iniziative culturali e della qualità del sistema sociale ed educativo. Oltre l’80% della spesa comunale è infatti indirizzata ai servizi ai cittadini: in particolare il 40,5% delle risorse - pari ad €. 3.385.000 – sono dedicate alla gestione della rete dei servizi alla persona (asili e scuole, servizi sociali e per gli anziani, servizi sportivi e culturali ecc…), e il 39,5% - pari a €. 3.300.000 – all’erogazione dei servizi indivisibili (smaltimento rifiuti, illuminazione pubblica, viabilità, servizi demografici, verde pubblico e ambiente ecc…). Il 3,5% è infine stato destinato a trasferimenti di risorse a favore dell’Unione Comuni Val d’Enza, mentre solo il 16,5% è riferito a spese generali di funzionamento.
 

Ultimo aggiornamento: 03/06/15