Stemma del Comune di Montecchio Emilia
Comune di
Montecchio Emilia
 

ACCORDO IREN S.p.A. - COMUNI

Firmato accordo tra Comuni, Provincia, Sindacati e IREN per la rateizzazione delle bollette di gas, acqua ed energia elettrica quale misura anticrisi per cassintegrati e disoccupati.


Il comitato del Comuni reggiani capidistretto, la Provincia, Iren spa e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil hanno raggiunto un importante accordo sulla rateizzazione, con la sospensione degli interessi di mora, delle fatture relative ai servizi gas, energia elettrica, servizio idrico, emesse dal primo luglio 2010 fino al 30 giugno 2011 per particolari situazioni di disagio dovute alla crisi economica.
L’accordo, firmato oggi nel Municipio di Reggio Emilia, è stato contestualmente presentato alla stampa dal sindaco di Reggio Graziano Delrio, dal sindaco di Scandiano Alessio Mammi e dall’assessore provinciale alla Sicurezza sociale Luca Fantini; per i sindacati è intervenuto Matteo Alberini della segreteria provinciale Cgil; per l’azienda il dirigente di Iren Mercato, Claudio Conti. All’incontro erano presenti inoltre i sindaci capidistretto Marzio Iotti di Correggio, Gianluca Marconi di Castelnovo Monti, Giorgio Benaglia di Guastalla e l’assessore Marco Dalia di Montecchio; inoltre, Michele Del Fabbro della segreteria provinciale Cisl e Lorenzo Avolio della segreteria provinciale Uil.
 
 
HANNO DETTO - “Questa intesa – ha detto il sindaco Delrio – conferma la vocazione alla tariffazione sociale di Iren spa, come lo è stata di Enìa. Con Iren si rinnovano e implementano le forme di rateizzazione del pagamento delle utenze. Abbiamo quindi una continuità con l’accordo del 2009 e una sua estensione riguardo a servizi e tipologie di utenti, per continuare ad aiutare famiglie e lavoratori disoccupati o cassintegrati che si trovano in difficoltà economica dovuta alla crisi. Questa azione dimostra in concreto che Iren rimane una società a maggioranza pubblica, sotto il controllo dei Comuni del territorio, e perciò molto attenta alle esigenze dei cittadini reggiani”.
Per il sindaco Mammi, “è evidente che, in un momento così complesso dal punto di vista economico per tante famiglie, l’impegno prioritario dei Comuni deve essere la loro tutela in un più complesso sistema di misure anticrisi, e in tal senso abbiamo agito per procedere d’accordo con Iren: una boccata di ossigeno per i tanti disoccupati e cassintegrati”. L’assessore provinciale Fantini ha sottolineato fra l’altro che “l’accordo è una risposta concreta al dibattito e alle inutili polemiche che si sono sviluppate sul tema in questi giorni” e il sindaco Benaglia ha evidenziato “la collaborazione positiva e il buon esito del confronto serrato avvenuto nelle scorse settimane tra enti locali, sindacati e azienda, nell’interesse della comunità”.
“Nel contesto degli effetti prodotti dalla crisi attuale – ha detto Alberini di Cgil – l’accordo, che ha valenza provinciale, offre ai cittadini in difficoltà il mantenimento dei servizi pubblici essenziali, aggiunge nuove garanzie di rateizzazione e introduce, anche a livello di sportelli informativi, collaborazioni utili fra Comuni e azienda Iren. Valutiamo rilevante anche la possibilità di estendere le modalità di rateizzazione anche al Servizio di igiene ambientale e al Teleriscaldamento in città”. Conti di Iren Mercato ha detto che “la sensazione netta, leggendo l’accordo, è che nel passaggio da Enìa a Iren non sia cambiato nulla, riguardo alla vicinanza dell’azienda al territorio e agli utenti. L’intesa è molto utile per le persone in difficoltà: le nuove necessità dei cittadini legate alla crisi nel 2009 sono triplicate rispetto al 2008, quando già erano presenti in modo più intenso rispetto alla normalità. Gli effetti della crisi permangono quest’anno e si registreranno molto probabilmente anche nel 2011, quindi azioni di aiuto servono”.
 
SIGNIFICATO E CONTENUTI DELL’ACCORDO - L’accordo è frutto di una concertazione tra le parti che hanno convenuto sulla necessità di misure atte a fronteggiare situazioni di emergenza straordinaria, causate dall’attuale crisi economica, e nello specifico per quei nuclei famigliari nei quali sono presenti lavoratori in cassa integrazione ordinaria o straordinaria, lavoratori in mobilità, disoccupati perché dismessi dal lavoro per scadenza contratto o chiusura azienda o riduzione personale aziendale.
Inoltre l’accordo prevede una garanzia di servizio per quei nuclei familiari morosi, nei quali sono presenti minori, anziani non autosufficienti e persone affette da patologie invalidanti: in questi casi viene garantita l’erogazione del servizio minimo (senza procedere al distacco dell’utenza) di acqua, gas, energia elettrica e teleriscaldamento, in relazione alle indicazioni dei servizi sociali del comune di residenza, per poi concordare un piano di rientro delle bollette arretrate.
 
In particolare, l’accordo prevede che Iren Mercato concederà su richiesta la rateizzazione, con la sospensione degli interessi di mora, delle fatture relative ai servizi gas, energia elettrica, servizio idrico, emesse nel periodo dal 1° luglio 2010 al 30 giugno 2011, con le modalità di seguito illustrate.
 
Beneficiari dell’accordo
 
Nuclei famigliari in cui è presente :
- un lavoratore in cassa integrazione ordinaria o straordinaria o assimilabili, con riduzione oraria superiore al 30 per cento;
- un lavoratore in mobilità dopo il primo gennaio 2009;
- un disoccupato per riduzione dell’attività aziendale o per chiusura di unità produttiva dopo il primo gennaio 2009;
- un disoccupato con contratti a tempo determinato o assimilabili superiore a 6 mesi, cessato dopo il primo gennaio 2009.
 
Garanzia del servizio minimo
 
Ai nuclei familiari rientranti nella sfera di applicazione dell’accordo, in particolare ove vi è presenza di minori, anziani non autosufficienti e persone affette da patologie invalidanti, viene garantita l’erogazione del servizio minimo (senza procedere al distacco dell’utenza) di acqua, gas, energia elettrica e teleriscaldamento, in relazione alle indicazioni dei servizi sociali del comune di residenza, al fine di concordare un piano di rientro delle bollette arretrate.
 
Limitazioni
 
Dalla possibilità di rateizzazione sono esclusi i clienti a cui l’Azienda abbia già comunicato il preavviso di sospensione della fornitura, ovvero che la bolletta insoluta più vecchia non sia scaduta da oltre 90 giorni.
  
Rateizzazione fatture gas ed energia elettrica
 
A richiesta del cliente in possesso dei requisiti di cui sopra, si rateizzano le fatture di Iren Mercato relative ai servizi gas e/o energia elettrica emesse nel periodo di vigenza dell’Accordo.
  
La rateizzazione prevede tre rate senza interessi:
 
         A) per la prima fattura rateizzata
         1^ rata entro la scadenza della fattura
         2^ rata a 30 gg. dalla scadenza della fattura
         3^ rata a 60 gg. dalla scadenza della fattura
 
le eventuali fatture già scadute, saranno gestite con il cliente in modo da inserirle nel piano di rateizzazione cercando di mantenere il piano rate entro i tempi massimi di 60 giorni dalla scadenza della fattura non ancora scaduta di cui si chiede la rateizzazione;
 
         B) per le fatture successive la rateizzazione sarà concessa, sempre in tre rate mensili, evitando accavallamenti delle rate successive con le rate già concordate (onde evitare problemi di pagamento per il cliente).
 
La rateizzazione delle fatture, successive alla prima, non è automatica ma deve essere richiesta dal cliente e comunque nel frattempo non devono essere sorti insoluti e deve permanere in una delle condizioni lavorative indicate.
 
Estensione dell’accordo al Servizio idrico integrato
 
I Servizi sociali del Comune di residenza, qualora ritengano assistibile il richiedente, potranno, in accordo con l’Azienda, sostituirsi direttamente al cliente nel pagamento totale o parziale della bolletta del Servizio idrico integrato (Sil), ovvero assistere l’utente in un piano di rateizzazione, con le stesse modalità di cui sopra, mediante l’utilizzo del Fondo sociale per l’Acqua messo a disposizione dei comuni dalla società erogatrice del servizio.
 
Operatività
        
Per verificare lo stato dei pagamenti il cliente può chiamare il numero di Iren Mercato dedicato al Piano anticrisi.
Al momento della richiesta l’operatore di Iren Mercato accerta l’identità del cliente o del richiedente (quale facente parte del nucleo famigliare usufruente il servizio), verifica la consistenza o meno di fatture insolute e se ricorrono le condizioni di cui all’Accordo procede con la rateizzazione.
Il cliente riceverà via posta la documentazione relativa alla rateizzazione composta da una lettera e da tre bollettini postali: il cliente deve compilare e rinviare via fax la sola lettera in cui è inserita anche la dichiarazione della sua condizione lavorativa (disoccupazione o cassa integrazione o mobilità), pagando i bollettini alle scadenze stampate sullo stesso.
 
Eventuale estensione dell’accordo al Servizio igiene ambientale
 
L’eventualità di una tale estensione, anche in relazione all’attuale incertezza normativa in merito alla natura tributaria del costo del servizio, va esplorata in un confronto da attivare al più presto, a cura del Tavolo provinciale anticrisi, con la presenza della Autorità d’ambito (ex Ato3), le aziende di gestione locali del servizio Iren Mercato e Sabar e le associazioni dei consumatori.
 
Eventuale estensione dell’accordo al Teleriscaldamento
 
Si tratta di un problema che incide pesantemente su alcuni nuclei familiari, ma che è limitato al solo territorio del Comune capoluogo e complicato dal fatto che per molte utenze la fatturazione è intestata al condominio e non alle singole unità abitative.
Le parti concordano l’apertura, nelle prossime settimane, di un tavolo specifico tra i soggetti interessati, individuati indicativamente nel Comune di Reggio Emilia, Iren Mercato, Acer, sindacati confederali, unitamente alle rispettive associazioni degli inquilini e dei consumatori, associazioni della proprietà immobiliare e degli amministratori condominiali.
 
Dove trovare informazioni ulteriori
 
Per ottenere informazioni sul capitolo “acqua – ciclo idrico”, occorre rivolgersi ai Poli territoriali – Servizi sociali comunali; per quanto riguarda invece gas ed energia elettrica, ci si può rivolgere a Iren. Verrà predisposto un efficace sistema di informazione ai potenziali interessati, inserendo una sintetica comunicazione nella prima bolletta utile che verrà spedita ai clienti; saranno installati specifici cartelli di informazione agli sportelli commerciali di Iren, nelle sedi dei Comuni e sui siti internet degli stessi soggetti; sarà predisposto un volantino (plurilingue) da diffondere tra i lavoratori tramite le organizzazioni sindacali, i patronati, i Caaf e gli sportelli sociali dei Comuni.
 
 
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 07/01/11