Stemma del Comune di Montecchio Emilia
Comune di
Montecchio Emilia
 

IMU

╚ disponibile il programma per il calcolo on line dell'IMU, del Ravvedimento Operoso e per la compilazione del modello di versamento F24.

 

Mini IMU: Versamento residuale saldo IMU 2013 entro il 24/01/2014
Il D.L. n° 133/2013 all'articolo 1, comma 5, dispone che per i comuni che hanno adottato una aliquota maggiore rispetto a quella standard (4 per mille per l'abitazione principale e 7,6 per mille per gli altri immobili) per gli immobili per i quali è stata introdotta l'abolizione della rata di saldo IMU 2013, entro il 24 gennaio 2014 il contribuente dovrà effettuare un versamento integrativo pari al 40% dell'imposta calcolata per differenza tra l'imposta dovuta sulla base dell'aliquota adottata e l'imposta dovuta sulla base dell'aliquota standard corrispondente cosiddetta "mini IMU".
Così, ad esempio, per gli immobili qualificati come abitazione principale e per i quali il Comune ha adottato l'aliquota del 4,3 per mille occorrerà determinare la differenza d'imposta dovuta tra quella dovuta con l'aliquota al 4,3 per mille e quella dovuta con l'aliquota al 4 per mille tenendo conto, per i conteggi effettuati con le diverse aliquote, delle detrazioni d'imposta vigenti. Della differenza così determinata si dovrà versare la quota del 40% entro il 24 gennaio prossimo.
Medesimo discorso vale per i terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza agricola per i quali l'aliquota adottata dal Comune è pari al 9,1 per mille mentre l'aliquota standard è pari al 7,6 per mille, anche in tal caso della differenza d'imposta calcolata con riferimento alla due aliquote occorrerà versare il 40% entro il 24 gennaio prossimo.
 
È disponibile il programma per il calcolo on line dell'IMU e per la compilazione del modello di versamento F24. CLICCA QUI
Cliccando sul link che trovate nel box a fianco è possibile effettuare i conteggi dell'imposta, anche in presenza di più immobili, e stampare direttamente il modello "F24" da utilizzare in banca o in posta per effettuare il versamento.
Il servizio consente altresì di verificare la correttezza delle rendite catastali necessarie per il conteggio dell'imposta direttamente tramite collegamento al sito dell'Agenzia delle Entrate.

L'Ente non è responsabile degli eventuali errori derivanti dall'inserimento di dati non esatti o da errate interpretazioni della procedura o della normativa.
 
ACCONTO 2013
Il recente Decreto Legge n° 54 pubblicato sulla Gazzetta.Ufficiale n° 117 del 21/05/2013 ha disposto la sospensione della rata di acconto IMU 2013 per le seguenti tipologie di immobili:
·  abitazione principale e pertinenze, con esclusione dei fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 per i quali l'imposta è dovuta secondo le ordinarie modalità;
·  unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e pertinenze dei soci assegnatari;
·  alloggi regolarmente assegnati dagli ex IACP;
·  terreni agricoli;
·  fabbricati rurali.

Si informa, altresì, che dal corrente anno 2013 non è più dovuta la quota d'imposta a favore dello Stato per tutti gli immobili diversi da quelli classificati nella categoria catastale D.

Per gli immobili classificati nella categoria catastale D, l'articolo 1, comma 380, lettera f, Legge n° 228/2012, ha disposto che è riservata allo Stato l'imposta calcolata con aliquota del 7,6 per mille, mentre al Comune è riservata la differenza d'imposta calcolata applicando l'aliquota desunta dalla differenza tra l'aliquota vigente deliberata ed utilizzabile per la rata d'acconto ed il 7,6 per mille riservato allo Stato. Per i fabbricati censiti in categoria D/10 e rurali in quanto strumentali all'attività agricola, la rata d'acconto è sospesa.

Il versamento della rata d’acconto IMU per l'anno d’imposta 2013, per gli immobili per i quali non vige la sospensione della rata d'acconto, dovrà essere effettuato sulla base delle aliquote comunali in vigore per il saldo IMU 2012 approvate con Delibera di C.C. n.75 del 26.10.2012, scaricabile dal box  “Documenti allegati”.   

Si ricorda che il versamento della rata d’acconto, di ammontare pari al 50% dell’imposta annua, dovrà essere effettuato entro il 17 giugno 2013.

Con la rata di saldo da versare entro il 16 dicembre 2013 dovrà essere effettuato il conguaglio annuo sulla base delle nuove aliquote deliberate dal Consiglio Comunale con delibera n. 30 del 24/06/2013, pubblicata sul presente sito internet in data 08.07.2013, scaricabile dal box degli allegati.


Codici tributo da utilizzare per il versamento dell'acconto 2013 con modello F24:
3912: IMU abitazione principale Comune (solo categorie catastali A/1-A/8-A/9)
3916: IMU aree fabbricabili Comune
3918: IMU altri fabbricati Comune (escluse categorie catastali D)
3925: IMU immobili gruppo catastale D (produttivi) Stato
3930: IMU immobili gruppo catastale D (produttivi) Comune.
Il codice del Comune di Montecchio Emilia  da indicare sul Mod.F24 è: F463.
 
 
Il Regolamento IMU è contenuto nella Delibera di C.C. n.30 del 24.06.2013.

SONO CONSULTABILI I VALORI ORIENTATIVI AREE FABBRICABILI AI FINI IMU
(Per tutte le informazioni, vedere il sottodocumento in fondo a questa pagina)

 
DICHIARAZIONE IMU – Termini e modalità di presentazione
Il termine ordinario per la presentazione della dichiarazione IMU (ai sensi art. 13, comma 12-ter, D.L. n° 201/2011 convertito, con modificazioni, dalla Legge n° 214/2011 e successive modifiche ed integrazioni) originariamente fissato entro 90 giorni dalla data in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta è stato successivamente modificato dall’articolo 10, comma 4, D.L. n° 35/2013 nel nuovo termine entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui sono intervenute le variazioni. 

PAGAMENTO IMU ORDINARIA
Il versamento dell'IMU dovuta per l'anno 2013 può essere effettuato utilizzando l'apposito bollettino postale (da richiedere agli uffici postali) oppure utilizzando il modello F24 che è esente da commissioni per l'operazione di versamento.
 
 
RAVVEDIMENTO OPEROSO
 
L'art. 13 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, consente di regolarizzare, mediante il ravvedimento, le violazioni commesse in sede di predisposizione e di presentazione della dichiarazione, nonché di pagamento delle somme dovute. Il ravvedimento comporta delle riduzioni automatiche alle misure minime delle sanzioni applicabili, a condizione che le violazioni oggetto della regolarizzazione non siano state già constatate e comunque non siano iniziate verifiche o altre attività amministrative di accertamento.
Per effetto del D.L. 98/2011 "Decreto sviluppo" la regolarizzazione del pagamento se effettuata entro 14 giorni dalla scadenza la sanzione viene ridotta ulteriormente a un quindicesimo per ciascun giorno di ritardo. 
Per comunicare l'avvenuto ravvedimento all'Ufficio Tributi, si deve utilizzare l'apposito modello che è possibile scaricare direttamente dal box allegati (in alto a destra).
Si precisa che in caso di ravvedimento le sanzioni e gli interessi sono versati unitamente all’imposta dovuta.
 


Ultimo aggiornamento: 20/06/14