Stemma del Comune di Montecchio Emilia
Comune di
Montecchio Emilia
 

INAUGURATA LA NUOVA ALA DELL'OSPEDALE 'E. FRANCHINI'

Ospita i nuovi reparti di ostetricia-ginecologia, lungodegenza e alta intensità di cura e il Pronto Soccorso. L'Ospedale di Montecchio sempre più centro di riferimento di livello interprovinciale.


Si è svolta sabato 18 ottobre l’inaugurazione ufficiale del Corpo B dell’Ospedale ‘E. Franchini’ di Montecchio Emilia che ospita i nuovi reparti, già pienamente operativi, di ostetricia-ginecologia, lungodegenza e alta intensità di cura e il Pronto Soccorso.
La cerimonia inaugurale, molto partecipata, si è svolta alla presenza di tutti i Sindaci della Val d’Enza, sia della sponda reggiana che di quella parmigiana, del nuovo Presidente della Provincia di Reggio Emilia Giammaria Manghi, del Direttore dell’Azienda Usl di Reggio Emilia Fausto Nicolini e dei rappresentanti dei parlamentari reggiani Iori, Marchi e Gandolfi.
Il Sindaco di Montecchio Paolo Colli, nel discorso inaugurale, ha inteso sottolineare come l’Ospedale montecchiese, parte integrante della rete degli ospedali della provincia, conferma e consolida così il suo ruolo centrale a livello interprovinciale per i cittadini di Montecchio Emilia e della Val d’Enza, con un bacino di utenza che si avvicina ormai alle 100.000 persone e con, in particolare, alcuni reparti che sono un punto di riferimento anche a livello regionale e nazionale.
 
I nuovi reparti
Nell’ala ristrutturata trova la sua collocazione ottimale l’unità operativa di ostetricia e ginecologia che rappresenta un punto di riferimento per le patologie uro-ginecologiche e per la gestione del punto nascita. Nella sua nuova ubicazione il reparto ha assunto il suo assetto definitivo con una dotazione di 22 posti letto, con camere a due letti in settori separati per le ginecologiche e per l’ostetricia, collegata con le sale parto e gli ambienti dedicati al monitoraggio dei neonati.
La lungodegenza, anch’essa ora nella sua sede definitiva, è caratterizzata da ambienti accoglienti e gradevoli, con locali climatizzati e con una dotazione di 18 posti letto per pazienti prevalentemente provenienti dalla medicina acuti, ma anche da ortopedia e chirurgia, che hanno bisogno di una fase di riabilitazione per recuperare appieno l’autonomia o per poter tornare a domicilio o essere indirizzati a strutture sanitarie esterne all’Ospedale.
L’alta intensità di cura, struttura consolidata da molti anni, ha invece trovato sistemazione temporanea nella nuova ala ristrutturata al secondo piano, in attesa della sistemazione definitiva nel Blocco C di cui stanno iniziando attualmente i lavori di ristrutturazione. E’ dotata di otto letti in cui vengono accolti malati acuti in condizioni critiche. In questo delicato reparto l’assistenza è garantita secondo la più moderna concezione dell’organizzazione ospedaliera, con i pazienti in letti completamente monitorati e un’assistenza infermieristica più intensa.
Il servizio di Pronto Soccorso, fondamentale per la gestione delle emergenze su tutto il territorio tra Reggio e Parma, è ora collocato in via temporanea al piano terra della nuova ala, ma sarà successivamente trasferito definitivamente sempre nel Blocco C in fase di ristrutturazione. Il servizio effettua circa 20.000 prestazioni ambulatoriali all’anno e oltre 1.000 interventi con auto medica.
Infine ha trovato posto nel nuovo Blocco B inaugurato il reparto di Osservazione breve internistica dotato di due letti riservati a pazienti sottoposti a un iter diagnostico/terapeutico di non oltre 24 ore.
 
I prossimi lavori
Con il completamento della ristrutturazione del Blocco B sono stati realizzati all’Ospedale ‘E. Franchini’ di Montecchio Emilia lavori di ampliamento e riqualificazione per oltre 17.000.000 di Euro su un investimento complessivo previsto di quasi 30.000.000 di Euro.
Sono attualmente in fase di cantieramento i lavori di ristrutturazione e riqualificazione del Blocco C mentre sono ormai prossimi al completamento i lavori di realizzazione della nuova struttura del Centro distrettuale di prevenzione e medicina di comunità (cosiddetto ‘Palazzo della Salute’) che sorge dietro l’Ospedale che riunirà in un’unica sede moderna e funzionale tutti i servizi distrettuali con evidenti vantaggi sia per gli utenti sia per l’organizzazione e la gestione dei servizi stessi.
 

Ultimo aggiornamento: 21/11/14