Stemma del Comune di Montecchio Emilia
Comune di
Montecchio Emilia
 

L'IMPEGNO DEL COMUNE DI MONTECCHIO PER LA SCUOLA

Il 25% del bilancio è destinato ai servizi educativi.


In coincidenza con l’apertura del nuovo anno scolastico, il Comune di Montecchio Emilia ha inteso confermare l’impegno per tutelare la sostenibilità dei servizi alla persona e, in particolare, dei servizi scolastici ed educativi del territorio.
Questo obiettivo, indicato tra quelli strategici nell’impostazione del bilancio 2012 dell’ente, comporta un impegno di risorse economiche per i servizi scolastici pari al 25% del totale delle spese del bilancio comunale.
Infatti nel 2012, su una spesa corrente complessiva di €. 7.000.000,00, il Comune di Montecchio Emilia ne investe ¼ (pari a circa €. 1.700.000,00) proprio per il funzionamento e il sostegno ai servizi educativi e scolastici. Da sottolineare che questo corrisponde al 50% delle spese complessive sostenute dal Comune per tutti i servizi alla persona.
Sono questi alcuni dei dati più significativi che il Sindaco Paolo Colli e l’Assessore all’Istruzione Andrea Costi hanno voluto ricordare in occasione della visita che hanno compiuto, come avviene all’inizio di ogni anno scolastico, a tutte le scuole del territorio, dagli Asili Nido alle Scuole Secondarie inferiori.
La visita alle scuole è stata anche l’occasione, per gli Amministratori Comunali, di incontrare la nuova dirigente dell’Istituto Comprensivo di Montecchio Emilia Elena Guidi.
 
In riferimento ai servizi educativi prescolari (0-6 anni) gli investimenti del Comune sono indirizzati al funzionamento delle strutture pubbliche del territorio (Asilo Nido e Scuola Infanzia Comunali, Micronido, Scuola Infanzia Statale) e al sostegno alle due scuole dell’infanzia private convenzionate con il Comune stesso.
Rispetto a questi servizi prescolari, da ricordare anche gli importanti interventi di qualificazione e ammodernamento delle strutture che sono stati compiuti dall’Amministrazione negli ultimi anni: la ristrutturazione delle ex-scuole elementari di Villa Aiola nel 2010 che ora ospitano il nuovo servizio di Micronido, i lavori di riqualificazione dell’Asilo Nido e della Scuola dell’Infanzia Comunali nel 2011, la recente ristrutturazione e riqualificazione della Scuola dell’Infanzia Statale realizzata nella scorsa estate. Nel corso del triennio 2010-2012 sono inoltre stati erogati specifici contributi anche alle scuole dell’infanzia private convenzionate sempre per sostenere la realizzazione di interventi di riqualificazione strutturale.
 
Altre importanti risorse sono invece destinate al sostegno e alla qualificazione scolastica dell’Istituto Comprensivo di Montecchio Emilia.
In questo ambito il Comune, oltre ai servizi essenziali quali il trasporto scolastico e la mensa, finanzia servizi integrativi quali il tempo lungo e le attività pomeridiane per i bambini e gli adolescenti (progetto “Paripasso”), ma anche specifici progetti di qualificazione per laboratori e attività in campo artistico, sportivo, ambientale ecc…
Un notevole impegno economico continua inoltre ad essere indirizzato per garantire il sostegno scolastico per tutti i bambini e ragazzi diversamente abili che frequentano la scuola, con l’assegnazione di educatori professionisti che seguono a livello individuale i ragazzi durante tutto l’anno scolastico, con l’acquisto di specifiche attrezzature ed ausili didattici e con l’attivazione, dove necessario, di forme speciali di trasporto scolastico.
 
Specifici contributi, andando anche oltre le specifiche competenze comunali, sono stati anche indirizzati all’Istituto Superiore “Silvio D’Arzo” per la realizzazione di attività e laboratori didattici integrativi e per la realizzazione di uscite sul territorio finalizzate alla conoscenza e al contatto con diverse realtà produttive.
 
Da ricordare inoltre che, negli ultimi anni, il Comune di Montecchio Emilia ha inoltre promosso la destinazione del 5 x 1000 delle dichiarazioni IRPEF a favore dell’Istituto Comprensivo.
Le somme raccolte in questo ambito dal Comune sono state infatti trasferite proprio alle scuole del territorio per l’attivazione di ulteriori e qualificanti progetti e attività didattiche.


Ultimo aggiornamento: 16/10/12